Una Pastorale dei Giovani in cammino

È sempre più frequente la richiesta di una formazione seria per chi vive un servizio nella Chiesa, proprio per questo l’ufficio diocesano della Pastorale dei Giovani ha organizzato il IV Youth in Progress. Il corso, tenutosi il 12 e il 13 ottobre scorso tra Noto e Modica, ha visto la partecipazione di oltre un centinaio di operatori e di animatori del medesimo ufficio, che vivono il loro servizio nelle varie realtà parrocchiali e nei vari movimenti della diocesi netina. Il programma delle due giornate ha coinvolto i membri dell’Équipe diocesana: il direttore, don Giuseppe Di Stefano, e i tre vicedirettori, don Andrea Pitrolo, Nicoletta Di Maria e Umberto Confalonieri. Il primo momento formativo “Come costruire un’adolescienza” è stato curato da don Giuseppe Di Stefano che ha presentato una nota metodologica in merito. Il Direttore ha, infatti, presentato i fondamentali per un progetto serio di una pastorale per e con i giovani: la necessità di un accompagnamento dei ragazzi che favorisca la separazione dall’ambiente familiare e l’individuazione della propria identità; la formazione ai valori; la capacità di tessere una relazione significativa con il Padre. Il progetto, specifica don Di Stefano, necessita d’investimenti che coinvolgono tempo e soldi (si pensi alla possibilità d’individuare nelle Parrocchie delle stanze che diventino la Casa dei Giovani); di una squadra che viva il servizio sinergicamente (il sacerdote, l’educatore, l’animatore e le figure professionali competenti); di un cammino proteso all’adultità nella fede del giovane. Il secondo momento è stato curato dai vicedirettori che hanno presentato il laboratorio di fede Oikos, il primo sussidio di un progetto quinquennale di accompagnamento per i giovani. Oikos, dal greco casa, richiama la prossimità nella vita dei ragazzi proprio sullo stile di Cristo che si pone accanto agli uomini. Il sussidio, che è composto da sedici catechesi, da tre momenti di preghiera e da una lettura critica di alcune canzoni, permette di predisporre seriamente un cammino lungo un anno pastorale. Oikos è suddiviso in due moduli: il primo I primi passi del cammino riprende, come sfondo, la voce di M. Buber con Il cammino dell’uomo e di C. Lewis con alcune delle sue Lettere di Berlicche; il secondo Le dieci parole di vita (ovvero i dieci comandamenti) riprende, come sfondo, la voce poetica di R. Benigni e di E. De Luca. A conclusione delle giornate, l’Équipe diocesana ha informato i presenti che dal 22 ottobre comincerà per la Diocesi di Noto un anno giubilare per il centenario della nascita di San Giovanni Paolo II, pertanto i due appuntamenti più importanti (la Veglia d’Avvento e la Giornata diocesana dei giovani), curati direttamente dall’Ufficio diocesano, vedranno la presenza di alcune reliquie del Santo. Il primo appuntamento, in ordine di tempo, sarà proprio la Veglia d’Avvento che si terrà, in Chiesa Madre a Scicli, il prossimo 30 novembre 2019.

Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.