È la città giusta!

L’Azione Cattolica dei Ragazzi del vicariato di Avola, ospite della parrocchia del Carmine ha dato inizio alle attività con la “Festa del Ciao 2019”. Domenica 3 Novembre educatori e ragazzi hanno scoperto il tema che accompagnerà l’anno associativo 2019/2020  “È la città giusta!”, in un clima di gioia e vivacità, di spontaneità e naturalezza. 

Don Fortunato Di Noto, vicario foraneo della città di Avola, ha accolto i ragazzi provenienti dalle diverse parrocchie, salutandoli con entusiasmo e aiutandoli a pregare, spiegando che ciascuno ha quattro mamme: la mamma che ci ha portati in grembo, la Mamma del Cielo, la Madre Chiesa e la madre terra che ci permette di vivere. 

Gli educatori, per presentare un tema così importante e vicino alla vita dei ragazzi, la città, hanno invitato due figure che nella città svolgono il loro lavoro, a fianco dei cittadini e con un occhio attento al territorio: i Vigili Urbani!

A qualcuno è sembrato strano vedere all’interno del salone del Carmine i vigili, che sono sempre stati presenti alle feste della città, ma che non hanno mai pregato con i ragazzi, sostato con loro, giocato con il biliardino nell’attesa che iniziassero le attività. Qualche bambino ha affermato con certezza che non fosse strano averli così vicini, dato che il loro compito è quello di proteggere i cittadini, soprattutto dai ladri; qualcun altro ha manifestato la propria tranquillità nel sapersi protetto e al sicuro. Ma la sorpresa per i ragazzi dell’ACR è arrivata quando i Vigili hanno raccontato con simpatia e sincerità quanto lavoro silenzioso svolgano ogni giorno, rispondendo a centinaia di chiamate di persone, spesso sole, che chiedono aiuto e protezione. 

Si è abituati a vederli davanti alle scuole, ma raramente si dialoga con loro. 

Per l’ACR di Avola è stato bello ascoltare l’invito dei vigili a sentire la città come propria, a non aver paura di viverla pienamente, ma nel rispetto delle regole e sotto lo sguardo degli adulti; a non aver nulla da nascondere e a trovare dei luoghi di ritrovo “sani”; infine la raccomandazione paterna di stare sempre attenti alle distrazioni proprie e a quelle degli altri.

E come ogni festa che si rispetti, in cui i ragazzi sono i protagonisti, la chiesa del Carmine, in cui abbiamo celebrato l’Eucaristia, è stata tappezzata da disegni dei “luoghi del cuore” che rendono speciale per ciascun ragazzo la città in cui vive. 

di Ada Mazzonello

Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.