Il Vescovo Emerito Mons. Giuseppe Malandrino in visita alla Biblioteca Diocesana

Il 24 aprile 2019 il nostro Vescovo Emerito, previo accordo con il direttore prof. Corrado Perricone, dal quale è stato affettuosamente accompagnato, ha visitato la Biblioteca Diocesana del Seminario vescovile di Noto. È stato accolto dal direttore dell’Ufficio Beni Culturali della Curia dott. Salvatore Maiore, dal bibliotecario dott. Salvatore Leopaldi e dal gruppo dei volontari che con ampia disponibilità costantemente vi lavorano.

Dalle ore 10,00 alle 12,00 Sua Eccellenza ha attenzionato le varie sale della biblioteca, soffermandosi in particolare nella “Sala studi Staglianò” che contiene oltre cinquemila volumi donati dal nostro attuale Vescovo, autore di un considerevole numero degli stessi, già inventariati dai volontari, opportunamente guidati dal Bibliotecario.

Ha ammirato le due sale degli armadi “compattabili”, un settore dei quali contiene il fondo “Mons. Malandrino”, composto dai numerosi libri già da Lui donati e che sarà completato, per sua espressa volontà, da molti altri ancora.

E’ stata poi la volta della “Sala lignea”, dove si conservano i testi più datati, quelli che vanno dal Cinquecento all’Ottocento; qui il dott. Leopaldi ha illustrato tre volumi antichi del Fondo Parrocchia Cattedrale.

Gli sono state mostrate poi le quattro nuove sale: una è occupata dall’Archivio del Seminario, mentre le altre sono destinate alle nuove donazioni.

Il gradito ospite si è infine soffermato nella “Sala polifunzionale”, dove si accolgono quanti si accingono a visitare la Biblioteca, come ad esempio le classi dei vari istituti scolastici, per una preparazione propedeutica, tale da far gustare meglio tutto ciò che andranno a vedere e a sentire durante le visite didattiche.

Il nostro caro Vescovo, conoscitore dei locali a Lui tanto familiari per i lunghi anni qui trascorsi, ricoprendo con grande merito vari ruoli, si è detto meravigliato di come essi siano stati restaurati e arredati per la nuova destinazione; si è quindi complimentato per la ricchezza qualitativa e quantitativa dei volumi, che costituiscono l’attuale bagaglio della Biblioteca, nonché per il lavoro svolto da quanti donano il proprio tempo per operare con passione in questa realtà diocesana.

In occasione della visita ha fatto doto alla biblioteca un volume rilegato delle sue Lettere Pastorali.

di Corrado Perricone

Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.